La comunicazione che mi piace è quella che ci meraviglia come bambini (occhi sgranati e bocca aperta), quella che ci sorprende e ci fa sorridere (sotto i baffi), quella verde, che minimizza l’impatto ambientale attraverso l’uso di materiali ecocompatibili, delle risorse del territorio, di soluzioni che riducano gli sprechi.